Anche se distruggi tutto il mio mondo…

Ho fatto fatica ad abbattere le mura… ho fatto anche più fatica a farti visitare il mio mondo… quel cuore che è rimasto chiuso per troppo tempo. Ho fatto fatica… te lo giuro… ma per te ho dimenticato il male subito in passato e ho dipinto le pareti di questo cuore con il sorriso più bello che potessi mostrare. Ti avevo chiesto solo di camminare delicatamente nel mio mondo… i tuoi passi all’inizio erano leggeri, ma in poco tempo sono diventati pesanti, calpestando i fiori della dignità e i prati della dolcezza… sei stata arrogante, così tanto da non capire quanta forza e tempo ho dedicato a quel mondo per farlo tornare felice, come quando ero bambino… lo avevo fatto anche per te, perchè volevo che ti sentissi a tuo agio il giorno in cui avresti oltrepassato le porte del mio cuore… ma tu sei stata stronza… forse troppo… così tanto da accarezzarlo con i tuoi occhi d’angelo, per poi bruciarlo con i baci della cattiveria. Hai provato a far crollare quel mondo… il mio mondo… ma non ce l’hai fatta… certo, forse mi ci vorrà del tempo per ricostruire alcune sue parti, ma niente è andato perduto… e anche se hai ignorato tutto il mio mondo non vuol dire che questo diventerà di più brutto… anzi… mi impegnerò ogni giorno per renderlo migliore, così che la prossima donna che lo abiterà si ritroverà in un luogo meraviglioso”

Dy

Far l’amore fa bene

 

“A te basta così poco per essere gelosa… non ti va di condividere con nessun’altra anche un solo mio accenno di sorriso. Io sorrido quando ti arrabbi, perché so che la tua non è mai ossessione, è solo sana gelosia… hai avuto così pochi abbracci, che ora dai miei non ti vorresti mai staccare…
Sorrido quando fai domande, fingendo che la gelosia non abbia dipinto le tue incertezze… ci giri intorno, ma poi alla fine il cambio di tono della tua voce ti tradisce e si traveste con la maschera della gelosia.
Ma a noi basta un bacio per far pace… un bacio che alimenta l’impulso di una carezza… una carezza fa appiccicare ancora di più i nostri cuori… fino a che i nostri corpi nel letto si fondono in una sola sagoma… è che fare l’amore con te, è un pò come se in una notte con il cielo limpido si potessero toccare e spostare le stelle… è che fare l’amore con te, è un pò come provare un’emozione così tanto nuova da farmi dimenticare persino che sia stato io a viverla…
Far l’amore fa bene… ci fa bene… perché è come una pioggia che ripulisce il cuore da tutto lo sporco che abbiamo vissuto fino ad oggi… cancella la lavagna della vita e ci da la possibilità di riscrivere una nuova parte di noi.
Tu sai cosa siamo… e sai anche che la tua gelosia in fondo è solo un modo per ricevere più attenzioni… io sorrido, e ti do tutte le attenzioni che chiedi, perché so che le meriti… perché so che le hai sempre meritate, soprattutto quando, in certe notti figlie del passato, fingevi di non averne bisogno
Dy

Una notte qualunque

 

#UnaNotteQualunque

E un po’ mi manchi…
erano giorni che non ti pensavo, ma sapevo che prima o poi, in una notte qualunque, mi saresti tornata in mente dopo una leggera fitta all’anima. Le cose sono andate come dovevano andare, ma sai che io non riesco a vivere a metà e quindi ho proferito rinunciare a te. Sì, ti ho lasciato io, ma in fondo lo sappiamo entrambi che è successo solo perché tra i due, ero l’unico in grado di prendere una decisione con coraggio … fosse stato per te avremmo navigato nell’ignoto per mesi, ma non sono il tipo che fluttua nelle situazioni incerte … o mi butto o rinuncio. Ho ancora la rabbia addosso per le bugie dette … per mesi mi sono sentito in colpa pensando di essere io a non dare abbastanza e, soprattutto, di essere la causa della tua freddezza … e solo alla fine mi hai confessato che in realtà non eri riuscita a legarti a me quanto avresti voluto. Colpa mia? Colpa tua? Non c’è colpa nei sentimenti, ma nelle bugie sì e tu me ne hai detto una … ed è stata una di troppo.

Nonostante questo … un po’ mi manchi… Mi mancano quei giorni in cui ci guardavamo negli occhi sfiorandoci il naso … mi mancano le chiacchierate al telefono di notte … mi manca anche la persona che eri e non quella che sei.
Quando vivi una vita instabile come la mia, ci sono solo due cose che non ti spaventano … la solitudine … e la sicurezza di avere accanto una persona che ti ama. Quindi, nell’indecisione del tuo cuore … io ho preferito la solitudine, perché almeno è vera.

Eppure, un po’ mi manchi… Perché tanto io gioco a fare quello forte, ma poi quando sono da solo ne pago tutte le conseguenze e soffro, ma senza dirlo, perché tanto è inutile parlare di ciò che provi a chi non sa nemmeno ascoltare il proprio male di vivere.
Negli ultimi due mesi mi sentivo in colpa per tutto e cercavo il modo per farti sentire sicura senza rendermi conto che tu la colpa me la scaricavi solo perché più accusavi me e meno tempo avevi di farlo verso te stessa … alla fine eri arrivata al punto di volermi tenere vicina a te, ma solo nella misura in cui TU volevi … dimostrandoti egoista … dicevi di non avere tempo per me e poi lo sprecavi nelle stronzate più assurde senza nemmeno renderti conto di quanto io potessi star male a sentirti così distante da me … soprattutto dopo aver vissuto mesi in cui sembravamo quasi inseparabili.
Nell’ultima telefonata mi ha chiesto, in lacrime, come potevo solo pensare di non sentirti più, e vederti più … così … da un momento all’altro … dicevi che non potevi immaginare di smettere di voler bene ad una persona con cui avevi condiviso tanto … beh, hai visto? Ci siamo riusciti … ce l’abbiamo fatta perché siamo stupidi e orgogliosi e tutto questo ci ha rovinato per sempre. Io vedrò e scoperò con altre donne … tu lo farai con altri uomini … ma nessuno dei due ritroverà ciò che abbiamo perso in quell’ultima telefonata.
E’ strano … ho smesso di pensarti subito dopo quella litigata al telefono … e dopo settimane, invece, mi ritrovo a dipingere il muro della notte con pennellate di ricordi che ci appartengono … chissà perché proprio stanotte … chissà perché?!
Ora rileggo uno dei tuoi ultimi messaggi in cui mi avevi scritto “Sentirò per sempre la tua mancanza” … io non ti avevo nemmeno risposto … ma adesso, nel silenzio di questa notte, ti confesso che anche io sentirò per sempre la tua mancanza … forse non ci vedremo mai più … ma so che qualche volta ci penseremo e un giorno spero di poterlo fare col sorriso. Questa notte mi torni in mente e sento ancora la rabbia che affonda la sua lama sui ricordi. Vorrei non odiarti, ma non ci riesco … scusami.
Vorrei che fosse sempre Natale … come il giorno in cui ci siamo visti per la prima volta … quella dove una casa estranea aveva tenuto in segreto un piccolo sentimento che stava nascendo … tenendoci all’oscuro su ciò che ci sarebbe accaduto. Vorrei sentire ancora le nostre dita intrecciarsi fino a stropicciarci l’anima … perché l’anima più la strapazzi e più si sente viva. Quanti “vorrei” … che non hanno avuto il coraggio di crescere diventando un “voglio”.
Ogni tanto pensami, perché se tu non lo facessi più … io mi sentirei morire.

E un po’ … mi manchi…

Avvistato il Fantasma

“Ghost Day” è uno dei brani che è contenuto nel disco “Fantasma 3″… la leggendaria caccia al disco Fantasma, giunta alla terza edizione, è durata 3 settimane… risolvendo i nove enigmi postati su instagram si poteva arrivare al nascondiglio di Emily per catturare il disco… ma il nascondiglio era visibile solo per 24 ore...
una delle canzoni contenute nel disco Fantasma 3 è “ghost day”

canzoni in extrabeat

amo le canzoni rap in extrabeat e io stesso ho fatto un progetto intitolato “instarap” che uscì solo su facebook… una serie di pillole da un minuto totalmente in extrabeat…
non mi sono limitato solo agli “instarap”, ho fatto anche delle canzoni in extrabeat e nel nuovo album “orgasmi al cuore” non mancheranno spunti di questo tipo… “senza fiato” e “morfina” ne sono un esempio

carattere di merda? brutto carattere?

carattere di merda … un brutto carattere …
non è mai facile descrivere se stessi, soprattutto se si parla dei difetti più grandi che abbiamo. in “brutto carattere” ho descritto in maniera totalmente sincera le sfumature del mio carattere … senza tralasciare i lati del mio carattere di merda che a volte prendono il sopravvento

canzone contro la violenza sulle donne

Canzoni contro la violenza sulle donne?
Per fortuna ne sono state scritte parecchie e in questi casi credo che un artista abbia anche l’obbligo di portare alla luce dei fatti scomodi, ma che riguardano, purtroppo, la vita di tutti i giorni. La mia canzone contro la violenza sulle donne è “Paola ora sorride” e descrive una storia vera, legata ad una persona a me molto vicina

canzoni sui tradimenti?

Canzoni sui tradimenti?
La mia canzone che parla di tradimenti è “tradirsi” … è il mio punto di vista sincero e senza censura. Sentivo che era arrivato il momento di trattare un argomento del genere e il mio rap cerca sempre di sottolineare problematiche vicine alle persone, fatti quotidiani o storie di tutti i giorni, quindi non potevo non fare una canzone sui tradimenti